PPAE – Programma Provinciale Attività Estrattive
-- Sito in aggiornamento [Sito versione precedente] --
 

PPAE – Programma Provinciale Attività Estrattive

Il Programma Provinciale delle Attività Estrattive (P.P.A.E.) traduce e sintetizza il ruolo assunto dalla Provincia a seguito delle funzioni demandate dalla L.R. 71/97 nel generale processo di pianificazione e gestione delle attività estrattive.

Il P.P.A.E., approvato nell’agosto del 2003, ha come principale obiettivo quello di coniugare le finalità produttive con quelle di tutela e salvaguardia paesaggistico – ambientale, alla luce dei più generali strumenti di tutela paesistico ambientali e del PTC Provinciale.

Tale strumento è stato redatto a seguito di un’intensa fase di concertazione che ha coinvolto la Conferenza Provinciale delle Autonomie, gli operatori del settore, le associazioni di categoria, le associazioni ambientaliste, i sindacati e gli ordini professionali.

Tra i principi più importanti espressi dal programma abbiamo la salvaguardia del territorio, che diviene elemento cardine dell’attività estrattiva, anche attraverso il ricorso a tecniche e tecnologie innovative di coltivazione a basso impatto ambientale.

Terminata la prima decennalità, il programma ha esaurito i suoi effetti in merito alla possibilità di assegnare quantitativi di materiale estraibile e conseguentemente approvare nuove attività estrattive.
É stato pertanto necessario procedere ad un aggiornamento della programmazione dell’attività estrattiva, al fine di permettere una corretta pianificazione sia tecnica che economica per le ditte già operanti o per eventuali nuovi soggetti che intendessero, previa verifica dei necessari requisiti, intraprendere la coltivazione di cave.

Per tali motivi con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 234 del 6/10/2015 prima e con successiva Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 15 del 15/10/2015, la Provincia ha proceduto ad approvare l’aggiornamento al Programma delle Attività Estrattive, che resterà in vigore per i prossimi dieci anni, confermando sostanzialmente i parametri della prima programmazione. Unitamente a tale aggiornamento del Programma si è proceduto ad approvare anche il Programma dei recuperi dei siti di cava dismessi.

Ai fini della decorrenza dei termini previsti dalle Norme Tecniche si precisa che l’atto deliberativo è stato posto in pubblicazione a partire dal 22/10/2015.
Si riportano di seguito la legge regionale quadro per le attività estrattive e gli elaborati principali del Programma Provinciale, comprensivi di quelli aggiornati a seguito della DCP 15/2015 validi per i nuovi progetti presentati a partire dal 22/10/2015.

Si precisa che per i progetti di cava presentati nella prima decennalità e tuttora in corso continuano a valere le disposizioni previste dagli elaborati riportati di seguito alla voce “Allegati relativi alla prima decennalità”.

Maggiori informazioni possono essere richieste al Settore Gestione del Territorio – Ufficio Gestione Attuazione P.P.A.E. nella persona del Responsabile del Servizio Attività Estrattive Ing. Stefano Mogetta (telefono 0733 248788)

AVVISO:
Approvazione della Proposta di Aggiornamento del PPAE Programma Provinciale delle Attività Estrattive con conseguente adeguamento delle Norme Tecniche di Attuazione e predisposizione Programma di Recupero dei siti di cava dismessi ai sensi dell’Art. 41 delle N.T.A., a seguito delle risultanze della procedura di VAS e delle osservazioni presentate.

Legge Regionale 1 dicembre 1997 n. 71 – Norme per la disciplina delle attività estrattive.

PPAE

ALLEGATI:

Delibera Giunta Provinciale n 234  del 6/10/2015;
Delibera Consiglio Provinciale n 15 del 15/10/2015;
Regolamento di attuazione aggiornato alla D.C.P. n. 49/2007;
Relazione Tecnica
Norme Tecniche di Attuazione aggiornate alla D.C.P. n. 15/2015;
Programma per gli Interventi di Recupero di Siti di Cava Dismessi e Abbandonati (art. 41 NTA del PPAE)
Elaborati Grafici

ALLEGATI RELATIVI ALLA PRIMA DECENNALITÀ:

Norme Tecniche di Attuazione aggiornate alla D.C.P. n. 49/2007;
Regolamento di attuazione aggiornato alla D.C.P. n. 49/2007;

– Tavole riassuntive:
o Tavola 4a – Carta delle risorse principali esterne ai divieti cartografati;
o Tavola 6 – Carta aree di esenzione – Bacini estrattivi prioritari (Calcari di difficile reperibilità)
o Tavola 7a – Carta di dettaglio delle aree di esenzione dei bacini estrattivi prioritari (Calcari di difficile reperibilità) Bacino n. 1 e Bacino n. 4;
o Tavola 7b – Carta di dettaglio delle aree di esenzione dei Bacini estrattivi prioritari (Calcari di difficile reperibilità) Bacino n. 2 Bacino n. 3;
o Tavola 8a – Carta bacini estrattivi prioritari (Calcari di difficile reperibilità) Bacino n. 1 e Bacino n. 4;
o Tavola 8b – Carta bacini estrattivi prioritari (Calcari di difficile reperibilità) Bacino n. 2 e Bacino n. 3.

Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
SINP - Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata